" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

Rubriche

Prossime Gare

  • BARLETTA HALF MARATHON

    21,097 km

    iscriviti >
  • STABIAEAEQUA HALF MARATHON

    21,097 km

    iscriviti >
  • CAMPIONATI REGIONALI INDIVIDUALI E DI SOCIETÀ CROSS MASTER

    4 e 6 km

    iscriviti >
  • CORRIFREGENE

    21,125 km

    iscriviti >
  • STRALITERNO

    10 km

    iscriviti >
Calendario Gare
vedi tutte le gare >

Le Nostre Gare

Guida alla corsa

ALLENARE LA TESTA A RESISTERE E SUPERARE GLI OSTACOLI

ALLENARE LA TESTA A RESISTERE E SUPERARE GLI OSTACOLI

Abbiamo assistito ad una nuova strepitosa vittoria di un super campione, il nostro Marcell Jacobs, che si è lauretato campione del mondo dei 60 metri indoor.

Talento eccezionale, forgiato dal team che lo supporta.

Ecco, nel suo team un importante sostegno gli viene dalla sua mental coach, come ha raccontato egli stesso.

La testa è fondamentale per tutti coloro che si allenano e gareggiano.

Si, occorre anche l'allenamento della flessibilità mentale per i corridori

La terapia di accettazione e impegno (ACT) è stata a lungo utilizzata per trattare l'ansia, la depressione e altri problemi di salute mentale legati allo stress, ma gli atleti si rivolgono sempre più a questa strategia per migliorare le loro prestazioni mentali nelle competizioni. Mentre la resistenza mentale è spesso considerata necessaria per le prestazioni atletiche, l'ACT promuove invece la flessibilità mentale, che molti esperti sostengono sia più efficace il giorno della gara.
Il concetto di resistenza mentale è abbastanza semplice: avere una mente forte significa che è possibile superare il dolore e le avversità per raggiungere un obiettivo. Sia che stiate lottando contro l'accumulo di acido lattico in uno sprint verso il traguardo , o che stiate colpendo il muro al chilometro 35 di una maratona, un corridore mentalmente forte sarà in grado di superare le parti difficili per tagliare il traguardo sotto il tempo previsto.

Come la maggior parte dei corridori sa, spesso non è così che vanno le cose. Anche un corridore molto forte mentalmente avrà una gara che non andrà secondo i piani, sia che sia causata da fattori che sono dentro o fuori dal suo controllo. I corridori che hanno un alto grado di forza mentale saranno ancora, almeno a volte, al di sotto dei loro obiettivi.

Questo spesso lascia i corridori frustrati, chiedendosi perché non potevano semplicemente "resistere" o "spingersi oltre il dolore", o addirittura chiedendosi se fossero davvero così mentalmente tosti come pensavano di essere. Questi pensieri possono portare a una spirale verso il basso di pensiero negativo su se stessi, potenzialmente in grado di influenzare gli allenamenti e le gare future.

La flessibilità mentale è un modo di pensare molto meno rigido. Piuttosto che cercare di ignorare i propri pensieri, sentimenti ed emozioni, ti incoraggia a rimanere in contatto con il momento presente accogliendo tutte le sensazioni, sia positive che negative, per continuare a perseguire il tuo obiettivo. Queste sensazioni, tuttavia, non ti controllano. Un corridore mentalmente flessibile non permette alle sue emozioni a breve termine (come i pensieri negativi che si insinuano durante gli ultimi 10 chilometri di una maratona) di dettare come sceglie di agire.

Terapia di accettazione e impegno
La flessibilità mentale ha le sue radici nell'ACT, che incoraggia le persone ad abbracciare i loro pensieri e sentimenti, piuttosto che cercare di combatterli, ignorarli o sentirsi in colpa per loro. Questo è importante per i corridori, perché ammettiamolo: le cose non andranno sempre come previsto.

In momenti di forte stress o difficoltà (come l'ultimo chilometro di un 5K o nel mezzo di un duro allenamento), è facile credere che i nostri pensieri ed emozioni siano dei fatti, ma in realtà sono solo un riflesso di come ci sentiamo, non la realtà. Riconoscendo i pensieri e le emozioni negative durante un duro allenamento o una gara, potete rimettervi al posto di guida, eliminando efficacemente il controllo che hanno su di voi.

Per esempio, sei a metà strada su una salita difficile durante un allenamento o una gara e pensi a te stesso "Non sono portato per le salite". Il tuo cervello ti sta dicendo questo perché in quel momento, correre su quella collina ti sembra molto difficile. Se credi che questo pensiero sia un dato di fatto, è più probabile che tu smetta di provarci o che rinunci. L'ACT ti insegna ad affrontare quel pensiero negativo e a creare una certa distanza da esso, il che ti rimette in controllo e ti aiuta a continuare.

Resta presente e lasciati guidare dai tuoi valori
Quindi, come si fa a migliorare la propria flessibilità mentale? Proprio come per l'allenamento fisico, l'allenamento mentale richiede tempo, coerenza e pazienza. Per i corridori, ci sono due modi chiave in cui puoi usare l'ACT per migliorare le tue prestazioni mentali:

Rimanere presenti. Una delle caratteristiche dell'ansia del giorno della gara è la tendenza a concentrarsi sul futuro. Ti senti stanco ora, quindi come farai ad arrivare al traguardo più tardi? La temperatura è più calda del previsto, e se non riuscissi a sopportare il caldo? Parte dell'ACT è concentrarsi sul momento in cui ci si trova e non preoccuparsi di quello che verrà. In altre parole, affronta una gara un chilometro alla volta, invece di pensare a quanta strada devi ancora fare.

Sii chiaro sui tuoi obiettivi. Come corridori, tendiamo a fissarci pesantemente sui nostri obiettivi di corsa, e mentre avere degli obiettivi è una buona cosa, a volte possono farci perdere di vista il motivo per cui siamo effettivamente fuori a correre. Sei sulla linea di partenza solo perché vuoi fare un nuovo PB, o è davvero perché vuoi sfidare te stesso, essere parte di qualcosa più grande di te o fare una grande esperienza?

I tuoi valori sono alla base dei tuoi obiettivi, ma sono molto meno rigidi. Concentrarsi su questi valori ti aiuterà a riorientare la tua mente quando i tuoi obiettivi di performance vanno di traverso e ti permetteranno di mettere il tuo risultato in prospettiva. In questo modo non solo diminuirà la vostra ansia pre-gara e vi aiuterà a godervi di più l'esperienza, ma impedirà che un cattivo allenamento o una gara influenzino le prestazioni future.


Tutti noi avremo dei momenti durante le corse, gli allenamenti e le gare in cui le cose si fanno difficili e i pensieri negativi iniziano ad annebbiare il nostro cervello. Essere mentalmente flessibili vi aiuterà a riconoscere questi pensieri ed emozioni (piuttosto che cercare di ignorarli) senza permettere loro di prendere il sopravvento. Questo ridurrà la vostra ansia e, in definitiva, vi aiuterà ad avere una performance migliore.

 

by Fidal community

Altri articoli della rubrica Guida alla corsa