" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

" la passione

accende

la corsa"

"runners

do it

for passion"

Rubriche

Prossime Gare

  • COMBINATA NAPOLI CITY HALF MARATHON + MARATONA DI ROMA

    21,097 km

    iscriviti >
  • NAPOLI CITY HALF MARATHON

    21,097 km

    iscriviti >
  • BOLOGNA MARATHON

    42,195 km

    iscriviti >
  • BRUSCIANO

    10 km

    iscriviti >
  • ROMA-OSTIA

    21,097 km

    iscriviti >
Calendario Gare
vedi tutte le gare >

Le Nostre Gare

Alimentazione

CAFFE' E CUORE

CAFFE' E CUORE

Gli amanti del caffè si rallegrino. Lo stimolante potrebbe non essere così rischioso per la salute cardiaca, ma, secondo i ricercatori, potrebbero esserci altri effetti sulla salute. 

Secondo un nuovo studio pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine, il consumo di caffè non aumenta i battiti cardiaci anomali associati a un maggior rischio di disturbi del ritmo cardiaco più comuni. I ricercatori hanno monitorato per due settimane il cuore, l'attività e il sonno di 100 persone senza patologie cardiache di base. Hanno scoperto che il principale indicatore di rischio cardiaco è rimasto pressoché invariato nei bevitori di caffè e nei non bevitori. Il ritmo cardiaco irregolare, noto come fibrillazione atriale, può portare a pericolosi coaguli di sangue che possono causare ictus e insufficienza cardiaca.

"L'aritmia comune nota come fibrillazione atriale non è causata o peggiorata dalla caffeina, nonostante la convinzione diffusa tra molti medici e pazienti che il caffè debba essere evitato in queste condizioni", ha dichiarato Deepak Bhatt, direttore del Mount Sinai Heart di New York, che non era coinvolto nello studio.

Da tempo i cardiologi considerano il caffè un potenziale rischio per la salute del cuore nei soggetti con patologie di base, poiché contiene caffeina, uno stimolante che aumenta la frequenza cardiaca. Uno studio pubblicato nel 2022 sul Journal of the American Heart Association ha rilevato che il consumo di due o più tazze di caffè al giorno era associato a un rischio doppio di morte cardiaca nelle persone con ipertensione grave rispetto a chi non beveva caffè. Ma altre ricerche hanno dimostrato un'associazione tra l'assunzione moderata di caffè e una riduzione del rischio di mortalità nella popolazione in generale. I ricercatori stanno ancora cercando di capire le ragioni di questi effetti.

Il gruppo di 100 volontari, di età compresa tra i 20 e i 70 anni, è stato rigorosamente monitorato. I ricercatori hanno fatto indossare loro dispositivi per l'elettrocardiogramma a registrazione continua, che registrano i segnali elettrici del cuore, Fitbit per monitorare il conteggio dei passi e il sonno e monitor continui del glucosio. 

I partecipanti hanno anche scaricato un'applicazione per smartphone che tracciava la loro posizione, in modo che i ricercatori sapessero quando erano entrati in una caffetteria. Gli autori dello studio hanno inviato ogni sera un messaggio di istruzioni per indicare i giorni in cui potevano bere caffè o dovevano evitare del tutto la caffeina.

Altri risultati dello studio dipingono un quadro più eterogeneo dell'impatto del caffè sulla salute. Le persone a cui è stato assegnato il caffè hanno registrato il 10% in più di passi - 10.646 passi contro i 9.665 dei non bevitori di caffè - e i passi aumentavano con l'aumentare del caffè bevuto. Diversi studi prospettici di grandi dimensioni hanno riscontrato una riduzione del 6%-15% della mortalità associata ai passi in più al giorno.

Ma i bevitori di caffè hanno anche registrato 35 minuti di sonno in meno a notte. Le ricerche indicano un aumento significativo del rischio di mortalità per le persone che non dormono abbastanza. Lo studio ha anche rilevato che i bevitori di caffè avevano un numero maggiore di battiti cardiaci ventricolari prematuri (154 contro 102 al giorno per i giorni senza caffeina), un tipo di battito cardiaco irregolare che può contribuire all'indebolimento del cuore se sperimentato a livelli molto più alti per diversi anni.

by Runcard Community

Altri articoli della rubrica Alimentazione